giovedì 6 giugno 2013

Recensione:Jane Eyre di Charlotte Bronte

Titolo: Jane Eyre
Autrice: Charlotte Bronte
Casa Editrice: Giunti
Numero Pagine: 717
Prezzo: 7.00 Euro

Voto Contenuto: 7-
Voto Copertina: 

Trama:
Dopo un'infanzia difficile, di povertà e di privazioni, la giovane Jane trova la via del riscatto: si procura un lavoro come istruttrice presso la casa di un ricco gentiluomo, il signor Rochester. I due iniziano a conoscersi, si parlano, si confrontano e imparano a rispettarsi. Dal rispetto nasce l'amore e la possibilità per Jane di una vita serena. ma proprio quando un futuro meraviglioso appare vicino, viene alla luce una terribile verità, quasi a dimostrare che Jane non può essere felice, non può avere l'amore, non può sfuggire al suo destino. Rochester sembra celare un tremendo segreto: una presenza minacciosa si aggira infatti nelle soffitte del suo tetro palazzo.

Recensione:

Finalmente sono riuscita a concludere questo romanzo  e non riesco ancora ben a capire di preciso quale sia il motivo per cui ci ho messo così tanto.
In realtà questa lettura mi è piaciuta ma avendomi lasciata senza forze ora come ora non sono in grado di scrivere una recensione sensata e valida.
Di per se la storia mi è piaciuta,ricordo che l'inizio del romanzo mi aveva molto catturata, era ingiusto il modo in cui la piccola Jane veniva trattata. Interrompere la lettura mi sembrava come di abbandonarla e non potevo lasciarla sola. Quanto ho odiato la zia Reed!
A metà romanzo però sono caduta in una palude, a volte a fatica riuscivo ad emergere altre invece la storia era così piatta e priva di accadimenti che mi spingevano ad allontanarmi dalla lettura per non soccombere.
O forse è stata solo un idea mia e la vera colpa è quella degli altri diecimila impegni che avevo.
Non lo so,davvero!
Tuttavia non ho demorso e ho continuato la lettura senza realmente abbandonarla (nonostante le numerose minacce) e sapete cosa? Ne è valsa la pena,l'ultimo capitolo mi ha fatto venire le palpitazioni (immaginatevi i miei occhi a forma di cuoricino).
Suppongo quindi che il rapporto che ho avuto con questo romanzo sia stato una sottospecie di odio-amore.
Amore perchè Jane è una tipa tosta e le ho voluto bene,odio perchè ci ho messo troppo tempo.
Tuttavia era un libro che andava assolutamente letto e con il senno di poi sono contenta di averlo fatto.



P.s: Ho visto il film di Jane Eyre del 2012.
Hanno cambiato e tagliato un sacco di scene secondo me importanti,sopratutto il finale!
Inoltre c'erano alcuni passaggi che, sempre secondo il mio parere, davano per scontato che chi lo stesse guardando avesse letto precedentemente il libro risultando invece poco chiaro per chi non l'avesse fatto. Quindi: meglio il libro!

5 commenti:

  1. Su questo mio post c'è un premio per te!

    http://pinkvanillalife.blogspot.it/2013/06/liebster-blog-award.html

    RispondiElimina
  2. Ho visto molte versioni di questo film e ho letto più volte il libro, anche perchè mi ricorda il mio esame di inglese...per fortuna andato bene!!!
    Blog interessante , mi iscrivo con piacere...
    Vuoi ricambiare , mi faresti piacere..http://rockmusicspace.blogspot.it/
    Un felice fine settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono la centesima...
      Evviva!

      Elimina
    2. Wooooah sei la mia 100 followers che bello! grazie di seguirmi. L'ultima trasposizione cinematografica ti è piaciuta?
      Con piacere ricambio la visita ;)

      Elimina